Traversata atlantica 2009

Terraaaa!!!

Mancavano 30 miglia, qualche groppo rinfrescante e la senzazione che molte cose stavano per finire, si stava proprio bene in pieno oceano. Il verde della Martinica, i frangenti sula bariera, poi le nasse, a centinaia proprio prima dell'imboccattura di quel grande porto naturale, Le Marin. Improvvisamente il vento cambia direzione di cento ottanta gradi, siamo già di boilina quando passiamo a sinistra della baia di Sant'Anna. Centinaia di barche all'ancora e al gavitello. Barche in uscita tra il rosso e il verde hanno i genoa belli gonfi e ci scorrono silenziosi accanto, noi corriamo a 1800 giri tra i fanali invertiti rispetto alle regole nostrane, e osserviamo piccoli e grandi scafi accovaciati sui reef sparsi un po' ovunque da un lato e l'altro del canale. Siamo tra le braccia della baia, ormeggiati di poppa sulla banchina, Caribe. Grazie a Carlo, Mariagrazia, Fabio, Nicola, Fabrizio, Alessio, Carla, Mario per me questa navigazione è stata indimenticabile. Un Ringraziamento speciale a Massimiliano che da casa ha aggiornato in tempo reale i nostri spostamenti attraverso l'oceano, e senza dubbio avrebbe preferito essere a bordo. Un ringraziamento anche ai radioamatori, Grande Laguna e Angelo, che instancabili e puntuali, ogni giorno fanno sentire chi è in pieno deserto oceanico la voce dalla terra, un bel modo di stare insieme. Un saluto A Carlo e Mariagrazia che continuano il loro lavoro in Maritinica, e che presto salperanno per le Granadine. A presto Zemini !

Massimo

Aggiungi un commento

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.